Stampa questa pagina

La Politica e la Religione Significato

Sabato, 20 Agosto 2016 23:00 Scritto da
M. Chagall 1911 - La politica confusionaria dei potenti. - Si sa che la religione a diversità della politica va vissuta ma non capita. La politica dei politicanti è confusionaria, per renderci succubi del potere e dei potenti, mettono confusione nella mente che assorbe una complicanza di problemi da non capirci più nulla. La giustizia profetica, contro le tirannie occulte mascherate di perbenismo degli attuali partiti, consiste nel acquisire coscienza, per aprire gli occhi sulle contraddizioni dei potenti: le loro vigliaccherie, le loro paure di vivere la terribile realtà che li fa strumenti ciechi di soprusi. M. Chagall 1911 - La politica confusionaria dei potenti. - Si sa che la religione a diversità della politica va vissuta ma non capita. La politica dei politicanti è confusionaria, per renderci succubi del potere e dei potenti, mettono confusione nella mente che assorbe una complicanza di problemi da non capirci più nulla. La giustizia profetica, contro le tirannie occulte mascherate di perbenismo degli attuali partiti, consiste nel acquisire coscienza, per aprire gli occhi sulle contraddizioni dei potenti: le loro vigliaccherie, le loro paure di vivere la terribile realtà che li fa strumenti ciechi di soprusi.

La Politica e la Religione dovrebbero essere semplici non intendo dire che siano facili, intendo dire che non sono complicate, la vita non è complicata, l'esistenza non è complessa, tutte le complicazioni vengono dalla mente che vuole sempre, se lasciata a sé stante prevaricare gli altri.

I politici, i filosofi trovano molto difficile, quasi impossibile diventare umanisti (ossia: amare gli esseri umani) più sì è intelligenti, intellettuali maggiore è la difficoltà, ma la difficoltà viene da noi; noi la produciamo attraverso il potere, il denaro, ma la complessità non può incontrare la semplicità, l'amore.

La diversità che c'è tra politica e religione è che la religione a diversità della politica va vissuta ma non capita; se cominci a tentare di capire, lo stesso sforzo rende impossibile la comprensione.

L'intelletto può risolvere qualsiasi problema fuorché il problema, quando cerchi di capirlo, la coda cresce e sei intrappolato.

La politica dei politicanti che siedono su comode poltrone del potere è confusionaria, mettono confusione nella tua mente che assorbe una complicanza di problemi da non capirci più nulla e, rende succubi del potere e dei potenti, e la moneta ne è il segno del valore.

La moneta nella sua funzione di mezzo di circolazione - l'oro che acquista un aspetto particolare, diventa moneta; la politica fa si che la sua circolazione sia ostacolata da difficoltà tecniche, (l'oro è coniato in misura di moneta di conio), in questo modo sia il denaro che l'oro acquistano carattere locale politico, parlano un linguaggio comprensibile solo agli addetti ai lavori e porta uniformi nazionali, differenti solo all'apparenza, ma identiche nella sua forma di potere: sfruttare il lavoratore, il cittadino con tasse ed erari assurdi.

Come avviene questo? La sfera entro la quale il denaro (l'oro) circola si scinde come circolazione delle merci interne, circoscritta dai confini di una comunità della circolazione generale del mondo delle merci. compreso il modo occulto "le merci" delle armi non più costruite come difesa di un popolo ma come "ricchezza interna di un popolo".

Le armi oggigiorno sono per gli Stati che praticano la pace fonte di ricchezza, ma ahimè per pochi.

Guardate i popoli cosiddetti propensi alla pace, guardate l'attuale situazione degli affari di quel paese, guardate come è considerato il popolo, guardate la ricchezza e la prosperità di quasi tutte le classi della società. Poi guardate le terre sfruttate, come vivono allo sbando e nella miseria.

Così vanno adesso le cose, prendere coscienza significa aprire gli occhi a chi dorme.

Allora ci vogliono parole di fuoco per incidere l'uguaglianza e la pace.

Non è nel mio stile di "Senza Stato" offendere alcuno con queste parole, contro le tirannie occulte mascherate di perbenismo degli attuali partiti, ma con quale animo ci si dovrà preparare alla libertà?

Con l'animo che di fatto ama il proprio carnefice? Oppure con l'animo di giustizia profetica che odia il tiranno e che ha la capacità di dare e di acquistare coscienza dovunque e senza armi, con la semplice sua voce o con la Natura organizzata, che ha la capacità di saper cogliere le contraddizioni dei più deboli, ma sopratutto dei forti: le loro vigliaccherie, le loro paure di vivere la terribile realtà che li fa strumenti ciechi di soprusi.

Contro le tirannide di chi non vuole essere né "povero" né "ricco", deve imparare ad abolire da sé ogni sorta di possesso, ogni sorta di dominio sulle cose, sugli animali, sui vegetali, sopratutto sugli uomini; tutto questo deve essere abbattuto - trasformato per potere acquistare la magica realtà libertaria di "Chi non possiede nome!"

Letto: 1789 Volte Ultima modifica il Sabato, 12 Novembre 2016 18:24

articoli correlati

La Presa di Coscienza che siamo educati ad accettare il dolore - L'amore per la paura.

Il rapporto "ricco - povero"; "servo - padrone" divide tutti, divide soprattutto le coscienze di coloro che hanno interesse alla distruzione di quel rapporto.

La saggezza profetica Biblica esprime bene questa situazione: "In uno Stato di oppressione anche un saggio diviene stolto" (Ecclesiaste 6-7) è soprattutto la paura che piega anche le coscienze più forti...

Potere e Limiti delle Dottrine Fanatiche.

Il potere e la forza di una comunità non dipende soltanto dai membri o componenti e dal loro numero, ma molto dalla componente economica, ma ancora di più dalla dottrina che profetizza e che tutti eseguono.

Vediamo dunque come una dottrina fanatica (e ne vediamo ancora oggi con l'Isis) che spesso aumenta di molto di potere di una comunità.

La Realtà Nomade Animista -  Le Originarie Comunità Comuniste

Parliamo della realtà nomade animista nei suoi miti: essa nella sua storia vive nel Periodo delle Origini, quando non esistevano in tutta la Terra né lo Stato né la Proprietà di Classe, mentre riluceva in tutto il suo splendore di vita la Legge della Vita, il Verbo, espressione dell'Interesse del più Debole, espressione di razionalità, di novità, di vera mondiale paternità spirituale.

Solo quando ci si incammina sulla via "degli ultimi che sono i primi e dei primi che sono gli ultimi" (affinché non vi sia né primo, né ultimo; coincidenza e superamento dei contrari), solo allora si può diventare uomini d'amore universale, uomini che amano tanto l'amico e aiutano e amano lo stesso nemico che sente il bisogno dell'umanizzazione; uomini che, come il sole, mandano luce e vita e calore non solo all'amico, ma anche ai segreti bisogni di libertà del nemico.

Si pensi al modo con cui fu fatta l'Italia e si rifletti sul modo in cui si sta facendo l'Europa.

In Europa si è unificata la moneta in euro per tutti i popoli - e in Italia la lingua.

Ma è stata veramente una bella cosa o sono state tralasciate molte verità e libertà? L'Italia così come sei veramente nata, così come ti ha voluto lo Stato della classe dominante, qual è la tua nascosta storia?

Qual è la tua origine inconfessata?

Nella vita degli uomini, come in quella dei libri, in particolare di quei trattati che parlano della vita come questo, per pura ipotesi, magari ispirati, l’ultimo atto è quello che vale e l’ultima frase è quella che conta. Se qualche articoli ha saputo, seppure in modo marginale, parlare o ispirare qualche lettore, in queste righe vorrei aggiungere: “Nello scrivere questo, ho ascoltato il mio cuore, che forse a sua volta ha sentito il richiamo del nostro tempo inquieto! E dopo esserci imposti nello scrivere un continuo controllo per poter dare risalto alla sostanza e al contenuto, vorrei in queste righe lasciare parlare il cuore sull'importanza della "parola" e del "tempo" per il profetismo moderno.