Diritto alla Vita - Diritto ad Amare Significato

Mercoledì, 19 Ottobre 2016 14:59 Scritto da
La Vita - Il diritto alla vita è il primo punto fondamentale dei diritti dell'uomo.  L'uomo ha diritto alla dignità di crescere per poter sbocciare fino alla sua fioritura suprema. La Vita - Il diritto alla vita è il primo punto fondamentale dei diritti dell'uomo. L'uomo ha diritto alla dignità di crescere per poter sbocciare fino alla sua fioritura suprema. FOTO: Marc Chagall (1887-1985). La Vita

Dichiarazione Universale dei Diritti Umani Secondo Il Profetismo

Adesso è bene che vi parli di come il Profetismo in rete concepisce i Diritti dell'Uomo; vi parlerò della Nostra Dichiarazione dei Diritti dell'uomo.

In fondo la D. D. dell'Uomo evidenzia il fatto che l'umanità vive ancora soggetta a molte forme di schiavitù.

Altrimenti non occorrerebbe una Dichiarazione. La stessa necessità di averla, dimostra che l'uomo per migliaia di anni è stato ingannato.

Ed è stato ingannato in maniera così astuta, che solo elevandosi al di sopra dell'umanità si possono vincere le catene invisibili che lo imprigionano, i limiti e le carceri invisibili in cui è costretto.

La "nostra" dichiarazione comprende dieci punti fondamentali. 

 

- Il primo è la Vita

L'uomo ha diritto alla dignità di crescere per poter sbocciare fino alla sua fioritura suprema.

Perché questa fioritura è un suo diritto. L'uomo nasce sotto forma di seme (ovulo e spermatozoo) ma la società non gli fornisce il terreno adatto, le giuste attenzioni, un'atmosfera d'amore.

Al contrario, la società ha creato un'atmosfera profondamente avvelenata, carica di rabbia, odio, distruzione, violenza, guerre.

Il diritto alla vita presuppone che non ci siano più guerre.

Tutti devono avere il diritto di rifiutarsi. Ma aggi questo diritto non esiste.

Migliaia di persone sono in carcere - in particolare i giovani, persone sensibili e intelligenti - perché si sono rifiutate di combattere.

Il loro rifiuto è diventato un crimine; mentre in realtà dicevano semplicemente che non volevano uccidere altri uomini.

E' grottesco distruggerli in nome di una causa qualsiasi: religiosa, politica, in nome del fascismo o del socialismo, in nome di Allah; l'uomo non può essere sacrificato su un altare.

E' stranissimo che l'ONU faccia una dichiarazione sui diritti di ogni essere umano, ma non parla mai di quelle migliaia di persone, di giovani, che stanno consumando la loro vita in galera perché si sono rifiutati di distruggere la vita.

Il diritto alla vita. attualmente sul pianeta Terra non esiste.

Vengono uccisi animali, pesci, uccelli, per fare sport. Nessuno rispetta la vita.

E la vita è una sola, sia che si manifesti negli esseri umani, o in altre forme, e, vi dico: se non ti importa della vita altrui, come puoi rivendicarne per te quello stesso diritto?

 

- Il secondo punto: L'Amore

Veniamo alla seconda cosa, che mi sta a cuore, parlo dell'Amore.

L'Amore dovrebbe essere accettato come uno dei diritti dell'uomo più importanti e fondamentali, invece tutte le società l'hanno distrutto, creando il matrimonio.

Il matrimonio è un falso sostituto dell'amore.

Se due persone vogliono vivere insieme, non hanno bisogno di permessi né di un prete né di un governo.

Hanno bisogno solo del permesso del cuore.

E' il giorno in cui sentono che è giunto il momento di separarsi, di nuovo non devono chiedere il permesso di nessuno, non c'è bisogno di spendere soldi!

Possono separarsi come amici, con meravigliosi ricordi dei giorni d'amore vissuti insieme.

Ma oggi come oggi l'amore libero viene ancora in parte condannato.

Vi parlerò presto degli altri otto diritti fondamentali dell'uomo.

A presto amici della rete... dal Profetismo moderno e dal libero pensiero.

 

 

 

 

 

 

Letto: 1074 Volte Ultima modifica il Sabato, 24 Giugno 2017 12:20

articoli correlati

Il quarto passo: sii un nulla.

Quando inizi a pensare di essere qualcuno, ti blocchi; così, l'amore non può fluire.

L'amore fluisce solo da colui che è nessuno.

L'amore dimora solo nel nulla.

  Quando sei vuoto, è presente l'amore.

  Quando sei colmo di ego, l'amore scompare.

   L'amore e l'ego non possono convivere

   L'amore può esistere con Dio, ma non può esistere con l'ego,

perché amore e Dio sono sinonimi.

Amore ed ego non possono camminare mano nella mano.

Dunque, sii un nulla.

Il nulla è la sorgente di ogni cosa; nel nulla nasce l'infinito...

Il nulla è Dio.

Il nulla significa "nirvana".

Sii nulla... e nell'essere nulla, conseguirai il Tutto.

Nell'essere qualcuno, mancherai il punto; nell'essere nulla, sarai arrivato a casa.

Mai come in questa epoca è importante ad amare.

Perché quando amiamo davvero, arriviamo a conoscere più profondamente gli altri e noi stessi.

Il corpo può cedere alle ingiurie dell'età, ma il nostro spirito, quando ama, o meglio quando sa amare - sempre libero - ci consentirà di sfuggire al ciclo infernale degli imprevisti, in cui, generazioni dopo generazioni, l'essere umano reitera i medesimi errori.

Sebbene i pensieri si ripetano identici nella vita degli uomini, esiste un'entità in grado di cambiare i destini: è Amare!

Ma si deve capire come.

Ecco dunque il terzo passo: è condividere.

Quando è presente il negativo, tienilo per te.

Quando è presente il positivo, condividilo.

Normalmente, la gente condivide la propria negatività; non condivide mai la propria positività.

L'umanità è semplicemente stupida.

Quando le persone sono felici, non condividono mai la loro felicità: sono estremamente avare!

Viceversa, quando sono infelici, sono estremamente prodighe: in questo caso, sono prontissime a condividere.

Quando la gente ride, economizza; ride ma con riserva.

Viceversa, quando è arrabbiata, va totalmente in collera.

Il terzo passo è condividere la positività.

Questo porterà il tuo amore a fiorire come un fiume che nasce dal tuo cuore: e quando condividi, il tuo amore inizierà ad affiorare.

Ho sentito una frase molto strana, di Jorge Borges. Ascolta: 

Dono ciò che è santo ai cani

getto le perle ai porci.

Poiché ciò che importa è dare!

Tu avrai sentito l'esatto opposto: non gettare nulla ai cani, non dare le perle ai porci, perché essi non possono capire.

Di fatto, ciò che realmente importa non è "ciò che stai dando" perle, santità e amore, e "a chi" la stai dando: questo non è importante.

Ciò che conta è dare.

 Quando hai qualcosa donalo!

L'amore non è una proprietà da accumulare, è irradiarsi, è una fragranza da condividere.

Più condividi, più possiedi; meno condividi, meno possiedi.

Perciò, il terzo passo verso l'amore è condividere la propria positività, condividere la propria vitalità, condividere tutto ciò che si ha: qualsiasi cosa hai di bello dentro di te, non accumularlo mai.

Attenzione non sto parlando di cose materiali, di beni materiali; quindi: condividi la tua saggezza, condividi la tua preghiera, la tua felicità, il tuo amore... condividi!

Certo, se non c'è nessuno, condivi con i cani, con i gatti, con i fiori, gli alberi, le pietre... ma condividi.

Ciò che conta è dare.

Accumulare avvelena il cuore.

Ogni cosa accumulata è velenosa.

Se condividi, il tuo organismo sarà libero da veleni.

E quando dai, non preoccuparti che il dare sia o non sia corrisposto.

Non aspettarti neppure un grazie! Non rimarrai deluso.

Condividere è una delle più grandi virtù spirituali, una delle virtù più grandi!

Il secondo passo verso l'amore è imparare a trasformare i tuoi veleni in miele...

molta gente ama, ma il loro amore è profondamente contaminato da veleni: dall'odio, dalla gelosia, dalla rabbia, dalla possessività.

Il tuo amore è circondato da mille e un veleno!

L'amore è qualcosa di delicato: pensa alla rabbia, all'odio, alla possessività, alla gelosia... come potrà mai sopravvivere l'amore?

In primo luogo la gente si sposta nelle testa e dimentica il cuore: la maggioranza della gente lo fa.

In secondo luogo, una minoranza vive ancora un poco nel cuore, ma commette un altro errore; quella piccola fiammella d'amore è circondata da gelosia, odio, rabbia, e da mille e un veleno.

In questo modo, l'intero viaggio diventa amaro.

L'amore è la scala tra il paradiso e l'inferno, ma quella scala ha sempre due versi: puoi salire, oppure scendere.

Se sono presente quei veleni, la scala ti porterà verso il basso, e tu entrerai nell'inferno, non arriverai mai in paradiso!

Anziché conseguire una melodia, la tua vita diventerà un inferno; un contrasto continuo, un traffico assordante; un chiasso che ti farà impazzire... un caos di rumori, senza armonia alcuna.

Vivrai sempre sull'orlo della pazzia.

 

Quindi, la seconda cosa da ricordare è apprendere come trasformare i vostri veleni in miele.

E come vengono trasformati?

Esiste un processo molto semplice.

In realtà, definirla "una trasformazione" non è esatto, perché non è necessario fare nulla: siedi semplicemente in silenzio e osserva.

Non giudicare: non essere contro, né a favore.

Non favorirla, non reprimerla.

Limitati a osservarla, sii paziente, limitati a osservare ciò che accade... lasciala salire.

Ricorda una cosa: non cercare mai di cambiare il tuo stato d'animo, quando sei posseduto da veleni, aspetta semplicemente.

Arriverà il momento in cui il veleno inizia a trasformarsi in qualcos'altro... questa è una delle leggi fondamentali della vita: tutto cambia continuamente nel suo opposto, in voi si hanno cambiamenti periodici - un uomo buono diventa cattivo, e l'uomo cattivo diventa buono; il santo ha momenti in cui è peccatore e il peccatore vive momenti di santità.

Occorre semplicemente aspettare.

Non agire mai, quando la rabbia è al culmine; altrimenti te ne pentirai, e creerai una catena di reazioni che produrranno un karma (legge di causa-effetto sempre operante nella vita).

L'idea di cadere vittima del karma è tutta qui: fai qualcosa quando ti trovi in stato negativo è ti troverai in una catena di reazioni senza fine.

Quando ti trovi in uno stato negativo, tu fai sempre qualcosa, anche l'altro diventa negativo, ed è pronto a fare qualcosa: la negatività crea ulteriore negatività, la rabbia genera rabbia, l'ostilità genera altra ostilità, in una catena infinita di reazioni... e la gente è rimasta vicendevolmente aggrovigliata... e la cosa continua!

Aspetta.

Quando sei in collera, è il momento per meditare.

Non sprecare questo momento; l'ira crea in te una energia immensa... può essere distruttiva. 

Ma l'energia, in sé, è neutrale; la stessa energia che è in grado di distruggere, può essere creativa.

Aspetta.

La stessa energia che può sconvolgere, può donare la vita... limitati ad aspettare.

Aspettando senza fretta, un giorno avrai una grande sorpresa:  vedrai il cambiamento interiore, la rabbia si rilassa, l'energia viene liberata, e ti ritrovi in uno stato d'animo positivo; è lo stato d'animo positivo.

È lo stato d'animo creativo.

Ora puoi agire, puoi fare qualcosa.

Aspetta sempre il momento positivo.

Ricorda: Agisci, quando sei positivo.

Non forzare la positività, aspetta che essa affiori spontaneamente.

Questo è il segreto.

Quando dico: "Impara a trasformare i tuoi veleni in miele!", intendo questo!

 

L'amore è l'incontro, l'incontro orgasmico, tra la morte e la vita.

Se non conosci l'amore, ti lascerai sfuggire il senso della vita.

Sei nato, hai vissuto, sei morto... ma hai mancato.

Ti sei lasciato sfuggire quello spazio che esiste in mezzo: l'amore!, questo intervallo è la vetta più alta.

Ecco i quattro gradini verso l'amore.

Il primo: essere qui e ora;

(cioè essere presenti) perché l'amore è possibile solo nel qui e ora.

Non puoi amare nel passato (è morto!)

Molta gente vive semplicemente nei ricordi: ha amato in passato.

E molti altri amano nel futuro; anche questo non può essere fatto.

Questi sono modi per evitare l'amore.

E l'amore è possibile solo nel presente, poiché solo in questo momento la morte e la vita si incontrano... nell'oscuro intervallo che esiste dentro di te.

Quell'intervallo oscuro è sempre presente... è sempre, sempre presente!

Esso non è mai passato e non è mai futuro.

Se pensi troppo... e pensare è sempre riferito al passato o al futuro, le tue energie verranno distratte dal sentire.

E sentire è qui e ora.

Se le tue energie si muovono nello schema del pensiero, non ne avrai a sufficienza per entrare nei sentimenti... e l'amore non potrà esistere.

Quindi, il primo passo è essere qui e ora (nel presente).

Sia il futuro (chissà se arriva!) che il passato (che non ritorna) portano con sé il pensiero citato prima; è pensare sbagliato (o nel ricordo o nel rimpianto!) distrugge il sentire: una persona troppo ossessionata dal pensiero, col tempo dimentica completamente di aver un cuore.

Un uomo che è troppo immerso nel pensare, col tempo inizia a seguire un sentiero lungo il quale il sentire non ha voce.

Se non ascolta il proprio sentire, col tempo i sentimenti iniziano ad abbandonarlo.

Milioni di persone sono in queste condizioni: essi non sanno cosa significhi il cuore.

Pensano che sia solo una pompa.

Sono totalmente concentrati nella testa.

La testa è una estremità; è necessaria, è un ottimo strumento, ma deve essere usata come un servitore.

Non dovrebbe essere il padrone.

Quando la testa diventa il padrone e il cuore viene lasciato da parte, si vive, si muore, ma non si conoscerà mai Dio, poiché non si conoscerà mai l'amore.

Quello stesso identico intervallo oscuro, al primo contatto appare come amore... e quando ci si perde totalmente in lui, diventa Dio.

L'amore è l'inizio di Dio... oppure, Dio è la vetta suprema dell'amore.

Ci è stato chiesto: "Vorrei sapere, quanti siete a scrivere sul Profetismo Moderno? Inoltre vorrei chiedervi: è possibile chiarire il concetto sull'amore, visto che ne parlate quasi in ogni articolo?"

R. Inizio con dirti che siamo: Uno, nessuno, centomila! Come direbbe il grande Pirandello.

Ma parliamo dell'amore adesso, è più importante.

La vita è un'opportunità: non ha alcuno scopo.

È il terreno in cui sbocciano le rose dell'amore.

L'amore ha uno suo valore intrinseco: è privo di scopo e di senso logico.

Non ha alcun fine, ha però un significato immenso; esso contiene in sé una gioia infinita, un'estasi particolare.

Ma questi non sono valori logici.

L'amore non è un affare in cui ci sono obiettivi, scopi da raggiungere.

Nell'amore esiste sempre una certa follia.

E cos'è questa follia?

La follia esiste, perché non si riesce a spiegare la ragione per cui si ama; non si sa dare una spiegazione logica del proprio amore.

Potete dire che fai un certo affare perché hai bisogno di soldi: hai bisogno di soldi, perché hai bisogno di una casa; hai bisogno di un riparo; come faresti a vivere senza un tetto?

Nella vita di tutti i giorni, ogni cosa ha uno scopo ben preciso, ma nell'amore... non si possono dare spiegazioni.

Puoi semplicemente dire: "Non so. So soltanto che amare equivale a sperimentare la dimensione, lo spazio più bello che esista dentro di sé".

Ma L'amore non è un fine.

Quello spazio non è cerebrale.

Quello spazio non può essere reso un bene di consumo.

Quello spazio è un bocciolo di rosa, sopra il quale va a posarsi una goccia di rugiada che risplende come una perla.

All'alba, nella brezza del primo mattino, il bocciolo di rosa danza sotto i primi raggi del sole.

L'amore è la danza della vita!!

Per questo, coloro che non conoscono l'amore, si lasciano sfuggire la danza della vita, perdono l'opportunità di crescere come rose, e non parlo dell'amore solo fra due persone, beninteso!

Ecco perché, secondo la mentalità calcolatrice, computerizzata, secondo il matematico, l'economista, il politico, l'amore è una forma di follia.

L'amore sembra follia a quanti non l'hanno sperimentato.

Ma per chi conosce l'amore, esso è l'unica forma di sanità mentale.

Senza amore, un individuo può essere ricco, famoso, può godere di buona salute, ma non può essere sano di mente, perché non conosce i valori del mondo interiore.

La salute mentale non è altro che la fragranza delle rose che sbocciano nel tuo cuore... e gli amanti sono i soli a non avere bisogno di cure psichiche!

Di fatto, l'amore è l'energia più curativa che esiste nella vita.

Coloro che non la sperimentano, rimangono vuoti, insoddisfatti.

La follia comune non ha logica alcuna, non ha metodo; la follia chiamata amore possiede un suo metodo particolare: qual è?

Semplicemente questo: l'amore ti riempie di gioia, rende la tua vita una vacanza, una canzone, ti porta una quiete e una pace infinità.

Non ci avete mai fatto caso?

Quando qualcuno si innamora (vuoi della vita, vuoi di una religione, ecc.) non ha bisogno di dichiararlo.

I suoi occhi rivelano una profondità nuova; dal suo viso traspaiano una grazia e una bellezza mai viste.

Il suo modo di camminare si trasforma in danza.

È la stessa persona di prima, ma al tempo stesso non lo è più.

L'amore è entrato nella sua vita; è giunta la primavera nel suo essere e, nel suo animo, sono sbocciati i fiori.

L'amore produce trasformazioni immediate.

L'uomo che non sa amare, non può neppure essere intelligente, né essere aggraziato, né bello.

La sua vita non sarà altro che una tragedia.

Vorrei fare un discorso sulla Violenza, valutarla nei suoi aspetti più disparati.

Va da sé che il discorso sulla violenza assume una diversa caratteristica oggettiva e soggettiva a seconda che la violenza sia messa in atto dalla classe oppressa oppure dalla classe opprimente.

Per restare nel problema alquanto semplificato, non è possibile mettere sullo stesso piano la violenza del "Colono" e quella del "Colonizzato": la violenza del Colono contro il Colonizzato e la violenza del Colonizzato contro il violento Colono; le "due" violenze sono realtà nettamente da distinguere.

Infatti una realtà è la violenza del Ricco e un'altra realtà è la "violenza" del Povero, quando reagisce contro la radice del potere, quando tenta di riscattarsi dalla sua stessa violenza che si muove anch'essa contro i più deboli, che lo induce a scaricare, spesso il suo fallimento di vita contro gli infimi, riproponendo in eterno la causa del suo stesso fallimento, la sua stessa oppressione.

Certo la violenza del Povero che si vuole sostituire al Ricco, opprimendo coloro che sono più poveri o poveri pari a lui, ha la stessa natura della violenza del Ricco, perché esprime sentimenti di invidia, di sopraffazione, di risentimento, di vendetta.

Questa violenza rafforza la violenza del Ricco e ne diventa anch'essa responsabile.

Questa violenza-vendetta non esprime l'esigenza di un superamento totale e totalizzante del proprio stato di sfruttato e di sfruttatore, in quanto che il "risentimento" non si muove sul piano "gli Ultimi siano i Primi, e i Primi siano gli Ultimi, affinché non vi siano né Primi, né Ultimi".

Però, logica insegna, che altro è la violenza del "Ricco" il quale avrebbe molti mezzi a sua disposizione per agire con bellezza, con magnanimità, con misericordia, con pietà, in armonia col creato tutto quanto, e altro è la violenza del Servo il quale vive in una dimensione di maggior necessità, privo dei mezzi lucenti di razionalità, per cui le sue scelte sono meno libere, meno responsabili, generalmente di quelle del Ricco o di quelle di colui che è né Ricco né Povero, ma liberato dagli opposti antagonismi.

Lascia un commento

Assicurati di inserire tutte le informazioni richieste, indicata da un asterisco (*). Il codice HTML non è permesso.

Profetismo Moderno

  • Violenza: Significato in Tutti i Suoi Aspetti - la Radice della Violenza
    Violenza: Significato in Tutti i Suoi Aspetti - la Radice della Violenza Vorrei fare un discorso sulla Violenza, valutarla nei suoi aspetti più disparati. Va da sé che il discorso sulla violenza assume una diversa caratteristica oggettiva e soggettiva a seconda che la violenza sia messa in atto dalla classe oppressa oppure dalla classe opprimente. Per restare nel problema alquanto semplificato, non…
    2 commenti Leggi tutto
  • La Presa di Coscienza - L'Amore per la Paura
    La Presa di Coscienza - L'Amore per la Paura La Presa di Coscienza che siamo educati ad accettare il dolore - L'amore per la paura. Il rapporto "ricco - povero"; "servo - padrone" divide tutti, divide soprattutto le coscienze di coloro che hanno interesse alla distruzione di quel rapporto. La saggezza profetica Biblica esprime bene questa situazione: "In uno…
    1 commento Leggi tutto
  • Il Concetto della Non Violenza - L'Errata Interpretazione
    Il Concetto della Non Violenza - L'Errata Interpretazione Voglio evocare la personalità storica di Gandhi, così simile a Gesù; non si deve dimenticare quello che effettivamente insegnò, non quello che gli vorrebbero far dire. Nel suo diario: "Antiche come le montagne: la Verità e la non Violenza", egli dice: "Se dovessi scegliere tra la lotta armata e viltà,…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • Fanatismo - Potere e Limiti del Fanatismo
    Fanatismo - Potere e Limiti del Fanatismo Potere e Limiti delle Dottrine Fanatiche. Il potere e la forza di una comunità non dipende soltanto dai membri o componenti e dal loro numero, ma molto dalla componente economica, ma ancora di più dalla dottrina che profetizza e che tutti eseguono. Vediamo dunque come una dottrina fanatica (e ne…
    1 commento Leggi tutto
  • Abbattere dal Loro Trono i Potenti
    Abbattere dal Loro Trono i Potenti Solo quando ci si incammina sulla via "degli ultimi che sono i primi e dei primi che sono gli ultimi" (affinché non vi sia né primo, né ultimo; coincidenza e superamento dei contrari), solo allora si può diventare uomini d'amore universale, uomini che amano tanto l'amico e aiutano e amano…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • L'importanza della Parola e del Tempo
    L'importanza della Parola e del Tempo Nella vita degli uomini, come in quella dei libri, in particolare di quei trattati che parlano della vita come questo, per pura ipotesi, magari ispirati, l’ultimo atto è quello che vale e l’ultima frase è quella che conta. Se qualche articoli ha saputo, seppure in modo marginale, parlare o ispirare…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • La Politica e la Religione
    La Politica e la Religione La Politica e la Religione dovrebbero essere semplici non intendo dire che siano facili, intendo dire che non sono complicate, la vita non è complicata, l'esistenza non è complessa, tutte le complicazioni vengono dalla mente che vuole sempre, se lasciata a sé stante prevaricare gli altri. I politici, i filosofi…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • L'Era Tecnologica
    L'Era Tecnologica Siamo nell'era tecnologica, ma come tutte le situazioni ci sono tre lati. A detrimento della personalità di ognuno di noi, la nostra società tecnologica crea l'ingegnosa mostruosità del gruppo, questo il suo lato negativo da tenere sotto controllo, crea della gerarchia sociale "servo - padrone"; mentre al modo di vivere…
    2 commenti Leggi tutto
  • Pace Significato
    Pace Significato Sappiamo quanto le parole siano importanti, nel nome sacro, nel suono primordiale si nasconderebbe la potenza dell'essere e la sua possibile creazione. Ciò significa che esisterebbero parole che creano, esisterebbero in date condizioni immagini sonore che creano. Mi si concede allora di evocare la parola Pace, nella lingua considerata sacra:…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • La Natura del Profetismo
    La Natura del Profetismo Suonano potenti le parole di Isaia. Ascoltiamole, esse rivelano la natura del Profetismo: "Il vero culto a Dio è spezzare il giogo posto sul collo degli oppressi e dare libertà agli schiavi, dividere il pane con il povero, alloggiare l'infelice senza casa e pronto per il prossimo... La tua giustizia…
    Commenta per primo!
  • I Profeti Moderni
    I Profeti Moderni Osserva: il farmaco è il rimedio della malattia, per abbattere la malattia, il grido è l’effetto dello spavento; così il Profeta Moderno è l’effetto della radicata ingiustizia. Senza le ingiustizie il Profetismo che vi trasmetto rimarrebbe solo il Poeta, il Sacerdote - "all'uomo divino che crea bellezza, che danza nella…
    1 commento Leggi tutto
  • La Rete e il Profetismo Moderno
    La Rete e il Profetismo Moderno Il Profetismo Moderno si svolge sulla rete, attraverso la rete si fa un ponte come dice il profeta moderno: Papa Francesco, il pontefice della religione Cattolica. Egli afferma una grande verità: “Siamo in guerra, ma non è guerra di religione”; io affermo: “In una società in cui la guerra non…
    2 commenti Leggi tutto
  • L’Etica del Potere
    L’Etica del Potere Sappiamo che le parole, forse non tutte, hanno un potere, proprio per questo si devono dire parole sì azzardate, ma calibrate, significative. Ogni parola dunque ha un potere quindi vi espongo “l’etica del potere” proprio per chi userà parole per comunicare ai popoli, oggi i popoli della rete. Ho già…
    1 commento Leggi tutto
  • Il Potere delle Organizzazioni
    Il Potere delle Organizzazioni Il sentimento che costituiscono le fonte psicologiche del potere e la tradizione nel suo aspetto ossequioso per i re, i sacerdoti, i capi di partito in genere sono: la paura e l’ambizione personale che originano il potere. Il potere delle organizzazioni cui tramite si esercita il potere, considerandole prima come…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • Le Regole del Moderno Profetismo
    Le Regole del Moderno Profetismo L’amore del potere nel suo senso più ampio è il desiderio di provocare effetti nel mondo, questo fa parte della natura umana. Fin dai tempi di Lao-Tse questo ha avuto sostenitori: mistici, politici, gente che si preoccupava della santità delle persone, più come stato mentale che in quello del vero…
    1 commento Leggi tutto
  • I Profeti della Globalizzazione
    I Profeti della Globalizzazione Bisogna tenere conto che la spinta al potere ha due forme, già identificate in passato, e richiede due capi: chi comanda e chi segue (Cristo e gli apostoli, tutti i profeti e i seguaci). Bisogna comprendere che gli uomini seguono gli ideali che il capo trasmette e, se li ritengono…
    3 commenti Leggi tutto
  • Globalizzazione del Pensiero
    Globalizzazione del Pensiero Globalizzazione del Pensiero - Scienza Sociale Compito della mente è pensare, e quando l'intelletto pensa unisce la rappresentazione in una coscienza. Questa unione ha due origini: una meramente relativa al soggetto, ed è contingente soggettiva nell’altra ha un'esistenza indipendente ed è necessariamente oggettiva.
    1 commento Leggi tutto
  • La libertà dei popoli
    La libertà dei popoli I popoli non saranno mai liberi se non si libereranno dei dominanti, le masse secondo i dominanti, dovranno essere educate, ma non troppo, per rispondere soltanto agli interessi di consapevolezza dello Stato nazione. La controrivoluzione che è sempre stata tra i popoli disprezza la coscienza delle masse, specialmente di quelle…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • La Legge al Servizio
    La Legge al Servizio La legge è al servizio dell’uomo e non viceversa, a difesa del debole chiunque esso sia, ma oggi mal si concilia con la storia presente, mal si concilia con una giustizia esistenze, mal si concilia con una giustizia che verrà e non potrà non avvenire (messianicità) Con questi scritti, queste…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • Il Cantico della Terra Promessa
    Il Cantico della Terra Promessa Sappiamo che nella realtà della terra, non esiste, perché non può esistere la giustizia che prevale, ed il giusto viene il più delle volte ucciso, perseguitato, ingannato, (nella Terra Promessa avviene tutto il contrario), il giusto, colui che si comporta con liberalità e conoscenza, viene crocifisso. “... non passa a…
    Commenta per primo! Leggi tutto

Esistenza di Dio

  • L'Incontro con la Grande Luce - La Chiave
    L'Incontro con la Grande Luce - La Chiave Per entrare in contatto con la Grande Luce si deve accedere all'apertura dei quattro livelli (quattro menti), vi ho parlato la volta precedente dei primi due livelli, ora vi parlerò di come aprire le altre due porte. Per aprire la terza porta devi prima aver aperto le prime due. La…
    3 commenti Leggi tutto
  • Il Contatto con la Grande Luce
    Il Contatto con la Grande Luce Ci è stato chiesto: "Avete un maestro che vi ispira? Siete sempre in contatto con il maestro? Come possiamo metterci in contatto con lui?" - R. Non abbiamo nessun maestro come lo intendi tu, ma abbiamo parlato più volte solo della Grande Luce, ne siamo sempre in contatto, ma lo…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • Il Concetto di Dio - La Grande Luce
    Il Concetto di Dio - La Grande Luce Ci è stato chiesto: "Visto che il Profetismo Moderno parla spesso di Dio vorrei sapere la vostra idea su Dio e che religione professate. Quale significato ha questa parola? Esistono altri Dei? Chi sono?" - R. Nel momento in cui tu non sei, anche tu sei un Dio. Vorrei però…
    3 commenti Leggi tutto

Profezie sul Futuro del Mondo

Diritti Dell'Uomo

  • Meritocrazia
    Meritocrazia Parliamo del decimo diritto: la Meritocrazia. La democrazia ha fallito, prendiamone atto; abbiamo vissuto sotto molti tipi di governo: aristocratico, monarchico, città-stato democratiche e ora abbiamo visto il mondo intero fissarsi sull'idea di democrazia. Ma la democrazia non ha mai risolto alcun problema, ne ha aggiunto nuovi. Fu vedendo questi…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • Governo Mondiale - Diritti dell'Uomo
    Governo Mondiale - Diritti dell'Uomo Siamo giunti alle ultime dichiarazioni del profeta "Nessuno", da non considerare oro colato, ma osservare e discutere, in aggiunta alla più conosciuta Dichiarazione dei Diritti Umani. Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento…
    1 commento Leggi tutto
  • Il Diritto ad una Sola Terra - Il Diritto all'Unicità dell'Individuo
    Il Diritto ad una Sola Terra  - Il Diritto all'Unicità dell'Individuo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò è proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo. Alla votazione erano presenti 48 paesi, tra cui gli Stati Uniti, promotori della Dichiarazione, e tutti votarono a favore. I paesi assenti erano 8: il blocco orientale, l'Arabia Saudita, il Sud Africa…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • Il Diritto alla Conoscenza di Se Stessi - Il Diritto alla Libertà
    Il Diritto alla Conoscenza di Se Stessi - Il Diritto alla Libertà Prima di continuare la nostra Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo, voglio chiarire come l'umanità ha bisogno di una grande rivolta di pensiero contro le ingiustizie ma soprattutto contro i cosiddetti "filantropi"; ossia coloro che dichiarano di amore l'umanità, di migliorare la sorte degli uomini, pensando di rendere un grande servizio al…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • Ricerca della Verità - Diritto alla Morte
    Ricerca della Verità - Diritto alla Morte Dichiarazione Universale dei Diritti Umani Secondo Il Profetismo continua nella sua delucidazione. Abbiamo esaminato i primi due punti e sono: il diritto alla Vita, il secondo che mi sta più a cuore l'Amore, veniamo ora al terzo diritto fondamentale, che unito agli altri due rappresentano le tre cose più importanti…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • Diritto alla Vita - Diritto ad Amare
    Diritto alla Vita - Diritto ad Amare Dichiarazione Universale dei Diritti Umani Secondo Il Profetismo Adesso è bene che vi parli di come il Profetismo in rete concepisce i Diritti dell'Uomo; vi parlerò della Nostra Dichiarazione dei Diritti dell'uomo. In fondo la D. D. dell'Uomo evidenzia il fatto che l'umanità vive ancora soggetta a molte forme di…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • Falsità sui Diritti Umani - L'Essere Umano Non Esiste
    Falsità sui Diritti Umani - L'Essere Umano Non Esiste Falsità sui Diritti Umani - La società civilizzata Non Esiste Mi è andato il pensiero sui diritti umani, precisamente il mio pensiero da profeta della rete, quindi illuminato sugli uomini, è naufragato sulle cosiddette Nazioni Unite, e sulla giornata per i diritti dell'uomo. Non dobbiamo dimenticare un fatto fondamentale: noi…
    Commenta per primo! Leggi tutto

Senso della Vita - L'Uomo Nuovo

  • L'Uomo Nuovo
    L'Uomo Nuovo Se la società vuol vivere meglio deve partorire l'Uomo Nuovo, ma ci vuole un sostanziale mutamento del carattere umano, vale a dire dal passaggio di preponderanza, ossia maggior forza o importanza dalla modalità dell'avere, nella forma più egoistica del termine, alla modalità dell'essere, per salvarci dalla catastrofe psicologica ed economica,…
    1 commento Leggi tutto
  • Il Senso della Vita - Il Problema Esistenziale
    Il Senso della Vita  - Il Problema Esistenziale Se vuoi trovare la tua via, dovrai prima sapere qual è il senso della vita e, capire come questa ci si può realizzare. Principalmente sono tre le forme di realizzazione umana: quello dell’occupazione, quello sociale e quello sessuale. Tralascio le prime due per analizzare con voi il problema esistenziale attraverso…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • Concetto dell'Amore - Amore Significato
    Concetto dell'Amore - Amore Significato Ci è stato chiesto: "Vorrei sapere, quanti siete a scrivere sul Profetismo Moderno? Inoltre vorrei chiedervi: è possibile chiarire il concetto sull'amore, visto che ne parlate quasi in ogni articolo?" R. Inizio con dirti che siamo: Uno, nessuno, centomila! Come direbbe il grande Pirandello. Ma parliamo dell'amore adesso, è più…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • Come Risolvere i Problemi della Vita - L'Occupazione
    Come Risolvere i Problemi della Vita - L'Occupazione I tre legami che vincolano gli esseri umani riguardano i tre problemi della vita: ma nessuno di questi problemi può essere risolto separatamente; ciascuno di essi richiede una soluzione valida dagli altri due. Il primo riguarda il problema dell'occupazione. Noi viviamo sulla superficie di questo pianeta, con le sole risorse…
    Commenta per primo! Leggi tutto

Principi di Profetismo Moderno

  • Risata, Sorriso - L'Unica Preghiera Reale
    Risata, Sorriso - L'Unica Preghiera Reale Mi sono reso conto che al giorno d'oggi non si ride né sorride più! E mi sono chiesto: "Perché?" Siamo troppo appesantiti dai fatti, dalla situazioni, dai problemi esistenziali. Un uomo che non è appesantito da tutto ciò, il cui l'essere non è piegato dal sistema e credenze, non può…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • Consapevolezza - Testimone che Osserva, Riconosce l'Origine del Malessere
    Consapevolezza - Testimone che Osserva, Riconosce l'Origine del Malessere Se vogliamo creare un'umanità migliore, dobbiamo smettere di giudicare, di creare giudizi. Dobbiamo aiutare le persone a essere consapevoli. Non dobbiamo dare una coscienza alla gente, è sufficiente dare loro una consapevolezza. Ti possono essere date idee stupide, e tu le porterai con te per tutta la vita. Le persone…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • Consapevolezza - Vedere Dove e Cosa si è Realmente
    Consapevolezza - Vedere Dove e Cosa si è Realmente L'uomo non è cosciente, anche se si illude di esserlo, ed è proprio questa illusione a proteggere la sua incoscienza. L'uomo è ignorante, anche se pretende di sapere, ed è proprio questa pretesa (credere di sapere sempre tutto!) che mantiene intatta la sua ignoranza. Inoltre, l'uomo è l'esatto contrario di…
    1 commento Leggi tutto
  • Significato della Mitologia - Cos'è la Mitologia
    Significato della Mitologia - Cos'è la Mitologia I fatti rappresentano la Verità letta con consapevolezza. È Verità vista con cecità, con occhi chiusi, senza intelligenza, in maniera non meditativa. In questo caso la verità si trasforma in fatti. Vi faccio un esempio: incontri un Cristo, un Buddha. Se lo guardi con inconsapevolezza, è un semplice fatto, un…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • La Legge del Cielo - Cantico di Maria e dei Profeti
    La Legge del Cielo - Cantico di Maria e dei Profeti Non temo di ripetere la verità che è antica come le montagne e la ripeto anche con le parole del vecchio saggio cinese Taoista Lao Tseu. Lao Tseu, secondo cui "il Tao, la legge del cielo è come un arciere: innalza ciò che è basso e abbassa ciò che è…
    1 commento Leggi tutto
  • Il Potere della Convinzione
    Il Potere della Convinzione Diciamolo in modo chiaro, ci sono persone che sono talmente legati alle loro convinzioni da non accettare o condividere quelle degli altri. Eccomi pronto a spiegarvi il potere della convinzione, come la sua forza possa nuocere le persone. È facile dimostrare che le convinzioni sono onnipotenti e che tutte le…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • L'Anima - La Scoperta dell’Anima
    L'Anima - La Scoperta dell’Anima Pensate che tutte le religioni, proprio tutte, credono che voi abbiate un Anima, che venite al mondo con l'anima. Giorgio Gurdjieff è il solo uomo, in tutta la storia dell'umanità, ad aver detto una cosa incredibile importante: "Voi non avete un'anima." L'unico! A dispetto delle varie religioni. La voce di …
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • Bisogni e Desideri - Come Superare il Malessere
    Bisogni e Desideri - Come Superare il Malessere "Io che sono Nessuno così vi parlo!", adesso è venuto il momento di spiegarvi il perché mi dichiaro un "Nessuno". I desideri sono sogni, non sono realtà. Non puoi realizzarli e non puoi neppure reprimerli: perché tu possa realizzare una cosa è necessario che sia reale; e anche per poterla…
    1 commento Leggi tutto
  • Peccato, Colpa o Disobbedienza
    Peccato, Colpa o Disobbedienza Quando si parla di peccato, si deve scomodare la religione, perché il "peccato" è solo la trasgressione cosciente e volontaria della legge Divina, nel linguaggio corrente si parla di colpa. Nella concessione del pensiero teologico-giudaico, ma anche nella religione mussulmana-cristiana, il peccato è soprattutto in simbiosi con la disobbedienza verso…
    1 commento Leggi tutto
  • La Realtà Nomade Animista
    La Realtà Nomade Animista La Realtà Nomade Animista - Le Originarie Comunità Comuniste Parliamo della realtà nomade animista nei suoi miti: essa nella sua storia vive nel Periodo delle Origini, quando non esistevano in tutta la Terra né lo Stato né la Proprietà di Classe, mentre riluceva in tutto il suo splendore di vita…
    2 commenti Leggi tutto
  • La Vittoria - La Presenza della Grande Luce
    La Vittoria - La Presenza della Grande Luce La Vittoria - La Presenza della Grande Luce Questo sito internet è stato forgiato come si forma un essere magico, come la "lampada di Aladino", come opera d'alchimista che modifica se stesso e il mondo, mentre modifica la "materia", come specchio di me stesso nel mondo e specchio del mondo…
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • Come Perdonare
    Come Perdonare Ci è stato chiesto di chiarire il concetto del perdono. Perdonare non significa dimenticare, obliare, significa ricercare le vere cause che hanno provocato il comportamento dannoso ingiusto, trarne il significato, scoprire le condizioni oggettive, istituzionali, culturali e porvi rimedio.
    Commenta per primo! Leggi tutto
  • Animismo - Significato di Animismo
    Animismo - Significato di Animismo Cos'è l'Animismo? L'Animismo è una facoltà dell'anima, la sua azione sull'uomo è sempre positiva, in un certo modo divina. Ma cos'è l'Anima? È la parte spirituale dell'uomo, contrapposta al corpo; che non ha nulla a che vedere con la mente sede dell'intelletto, col cuore sede del sentimento come già avevano…
    Commenta per primo! Leggi tutto

Profetismo Moderno | Blog Scienze Sociali